Amari d’Amore

Vittorio Ingegneri

Amari d’Amore      

D’altro autunno speriòle lente

Tinzèa de bronzo i segalini,

quando granari de passion ridente

stajonava i me sogni birichini.

Drioman, in tajo de roncola possente,

el tenpo m’à bruscà i verdi giorni,

de norbie frasche d’amor ardente

fiorìe par la me cara zente

al sìdio d’un bao ‚sassin.

A usta sarai, stranbessi de garbin

O raìse morte che tedia un dente?

Epur a la quarta in griso otobrin,

soto i platani no ghe ze pi bovin,

dei vilan che in corte folava corbe

de biondi graspi dal saòr dolsin,

in sgrosso nel tinasso dei me pensieri,

raso de speranse orbe.

Voria giurar che fusse sol de ieri

Le seàde a goti de torbiolin

Co’l gòmio alsà da rùstega bubana.,

che de sboà spussava soto i barachin

pa’ i folpi de bojo tra la sgrotàna.

Come xe canbià sta festa paesana!

Forse i quarti a giro del Poiana,

dal luni franco de bestiame

s’à menà via pellagrose lagne,

de sgàlmare sensa sola de corame,

che vole osseti ‘ rosti a scotadèo.

Toh, el me noèlo xe ‘nda in asèo

Sercando quie folpàri a bon marcà,

fra el bordelo che d’ansie tormenta,

i paissèri de na tola parecià

soto i tenduni in sagra de Novente.

Amari d’Amore (italiano)

D’altro autunno sprazzi lenti

tingevano di bronzo i fichi nani ,

quando granai di passioni ridenti

stagionavano  i miei sogni birichini.

D’impatto, in taglio di falce possente,

il tempo mi ha potato i verdi giorni,

di rigogliosi virgulti d’amore ardente

fioriti per la mia cara gente

assediata da un verme assassino.

A fiuto saranno, stramberie di frescura

o radici morte che tormentano un dente?

Eppure  alla quarta in grigio ottobrino,

sotto i platani non ci son  più bovini,

dei villani che in corte pigiavano cestoni

di biondi grappoli dal sapor dolciastro,

gocciolante nel tino dei mie pensieri,

raso di speranze cieche.

Vorrei giurare che fossero solo di ieri

le bevute a bicchieri di torbiolino

col gòmito alzato da rustica opportunità,

che di folate puzzava sotto i recinti

per i polipi bollenti tra la sporcizia.

Come è cambiata questa festa paesana!

Forse le fasi lunari a giro di calendario,

dal lunedì franco di bestiame

si sono portate via lamenti pellagrosi,

di calzari senza suola  di cuoio,

che vogliono costicine arrosto a scottadito.

Toh, il mio novello è diventato aceto

cercando gli ambulanti a buon marcato,

fra il chiasso che di ansie tormenta,

i piaceri di una tavola apparecchiata

sotto i tendoni in sagra di Noventa.