Versetti dedicati alla Fiera di Noventa

Luigi Perini

Versetti dedicati alla Fiera di Noventa

L’aviso me conta:

“ Xe tempo de Fiera “

cusì come gera

un secolo fa.

La via per Noventa

xe quieta e pulita;

nei luoghi più sconti

i và a laorar.

Na volta in sti luoghi

el musso i vendeva;

adesso i te mostra

le auto e le gru.

La sente sentada

la magna el folpeto

e quei che camina

i varda qua e là.

Per i più picoeti

el treno va intorno,

i grandi coi dischi

i svolta lussù.

I più coraggiosi

se buta da l’alto

e chi xe curioso

el va in t’el castel.

Po tuti se prova

co le cadenele;

xe in alto baloni

de ogni color.

Nisun pol resister

in gropa del toro

che scarica tuti

sensa pietà.

Presenti xe pure

le Associassioni

per ogni eveniensa

xe la sanità.

La sente finisse a

secar la fortuna

e brama co cuore

regali pescar.

La sente se strucca

se mucia, se sbruta

per vedare anca

che fa l’artigian.

La barca volante

me sconde el Palasso

che tutte ste robe

el ga organisà.

Un poco alla volta

se calma el pasegio;

de bovoi e folpi

xe svodo el banchetto.

El marti ga fine

el divertimento

coi foghi rombanti

che paga el Comun.